Il merito di credito degli Stati Uniti

Le ipotesi di aumento del massimale sul debito

Standard & Poor (“S&P”) ha minacciato di togliere il giudizio di massima affidabilità sul debito pubblico USA nei prossimi tre mesi se non verrà aumentato il massimale del debito e se il Presidente e il Congresso non riusciranno a trovare una soluzione accettabile per tenere a freno il debito pubblico nel lungo termine.
S&P suggerisce, come soluzione accettabile al fine di stabilizzare il rapporto debito/PIL, di applicare un taglio alla spesa pari a 4000 miliardi di dollari, una cifra evidentemente piuttosto elevata rispetto a quanto attualmente in discussione.

Noi crediamo che gli Stati Uniti aumenteranno il massimale del debito e che, molto probabilmente, lo faranno anche prima della scadenza del 2 agosto (che in ogni caso potrebbe essere posticipata). Indipendentemente dai risultati delle trattative sul massimale del debito, gli Stati Uniti potrebbero subire una riduzione del rating nel caso in cui non dovessero riuscire a ristrutturare il deficit di bilancio e a controllare i programmi di spesa. Infatti, se non fosse per lo status del dollaro come moneta di riserva mondiale e per la loro forte potenza militare, gli Stati Uniti meriterebbero un più basso livello di rating sulla base della situazione economica e della gestione dei conti pubblici.

Debito Pubblico/PIL

Il rapporto Debito Pubblico Lordo/PIL statunitense ammonta circa al 100%. Includendo anche le obbligazioni Fannie Mae e Freddie Mac, questo rapporto supera il 100%; anche se Fannie Mae e Freddie Mac non sono ufficialmente garantite, esse non sarebbero in grado di pagare il loro debito senza il supporto del governo statunitense.
Con riferimento all’Eurozona, lo stesso rapporto Debito Pubblico/PIL in Spagna ammonta circa al 65%, è di 115% in Irlanda e supera il 90% in Portogallo. Tra i Paesi maggiormente sviluppati, invece, la Germania ha un rapporto Debito/PIL leggermente sopra l’80%, in Svizzera lo stesso è pari al 50% e in Canada ammonta all’80%.

Debito Totale/PIL

Il debito totale include sia il debito pubblico che quello di imprese e famiglie. Il suo rapporto sul PIL degli Stati Uniti non è migliore di altri Paesi appartenenti ai mercati sviluppati ed è invece significativamente peggiore di tutti i più importanti Paesi dei mercati emergenti (gruppo BRIC).

Deficit di Bilancio e Deficit Commerciale

Il deficit di Bilancio e il Deficit Commerciale degli Stati Uniti sono più alti di quelli dei principali Paesi dei mercati sviluppati, ad eccezione del Giappone, e sono significativamente più alti dei quelli dei Paesi BRIC.

Crescita del PIL

La crescita del Prodotto Interno Lordo statunitense, è significativamente più lenta di quella della maggior parte delle economie dei mercati emergenti.

Sulla base dei parametri sopra citati crediamo che il rating degli Stati Uniti dovrebbe essere inferiore ad AAA; come avviene generalmente per Paesi con simili parametri, che sono classificati al di sotto di AA. Tuttavia riteniamo che la scelta di ridurre il rating non sia inevitabile. Se gli USA indirizzeranno in modo costruttivo la politica di bilancio, la spesa e le questioni di debito, saranno in grado di non rendere concreta la minaccia di S&P.

Il Confronto fra i parametri a livello Internazionale

img-debito-deficit-tbl

I dati contenuti nel documento sono forniti da Pioneer Investment Management SGRpA che si riserva il diritto di modificare, in ogni momento, le analisi e le informazioni prodotte.